Si prega di utilizzare questo modulo esclusivamente per informazioni e contatti per trattamenti di Medicina estetica e Laser

  • (+39) 0365 85393

  •  

Botulino

Poliambulatorio Frugoni

Botulino


La tossina botulinica è una neurotossina, il suo utilizzo in medicina estetica è finalizzato al trattamento delle rughe di espressione del viso in particolare per le rughe glabellari (quelle tra le sopracciglia), quelle perioculari (zampe di gallina) e quelle frontali.


L’azione della tossina botulinica è quella creare una paralisi flaccida del muscolo, cui consegue una distensione del distretto cutaneo sovrastante.


L’effetto della inoculazione del farmaco è transitorio, compare dopo 3-7 giorni ed ha una durata variabile nel tempo (quattro-sei mesi).


Il trattamento si effettua ambulatoriamente mediante piccole iniezioni, senza necessità di anestesia locale.


E’ importante dopo l’infiltrazione non massaggiare le zone trattate per alcune ore (minimo 2 h), non eseguire attività fisica nel giorno del trattamento ed evitare di sdraiarsi per circa tre ore.


Gli effetti collaterali sono in genere minimi: occasionalmente possono comparire gonfiori e piccoli ematomi in sede di iniezione, che però si risolvono nel giro di qualche giorno. Raramente muscoli adiacenti possono essere coinvolti nel rilasciamento muscolare, provocando una relativa ptosi palpebrale (una palpebra leggermente meno aperta dell’altra), fenomeno reversibile nell’arco di qualche settimana (2-4). Talvolta possono comparire asimmetrie della posizione dei sopraccigli che hanno la possibilità di essere corrette con un ritocco con lo stesso farmaco. Occasionalmente può comparire dolore o mal di testa.


Controindicazioni assolute al trattamento con tossina botulinica sono:


– Ipersensibilità accertata a ciascun componente della formulazione (tossina botulinica, albumina umana, cloruro di sodio);
– In casi di disordini generalizzati dell’attività muscolare (tipo miastenia grave ect.);
– In pazienti in trattamento con antibiotici aminoglicosidici o spectinomicina;
– In presenza di infezioni o infiammazioni a livello del sito(i) di inoculazione;
– In gravidanza e allattamento;
– Coagulopatia, inclusa terapia anticoagulante e scarsa compliance del paziente rappresentano controindicazioni relative.


Trattamento al botulino


Iscriviti per ricevere le nostre Newsletter

Seguici e rimani aggiornato sulle novità e sugli eventi di prevenzione